Palazzo Giardino
Palazzo Giardino


Palazzo Giardino, noto anche con il nome di “Casino”, era il luogo delle delizie e dello svago del Duca Vespasiano Gonzaga Colonna. Qui amava ritirarsi a studiare sotto la quiete delle volte decorate e tra gli zampilli del giardino all’Italiana. Tra queste mura il Duca riceveva la visita di illustri umanisti provenienti da ogni parte d’Italia e d’Europa, con i quali amava intrattenere colte conversazioni. Vespasiano non perdeva mai l’occasione di mostrare ai propri ospiti la sua ricca collezione di reperti archeologici e naturalistici, conservata al tempo nelle sale del palazzo e nella Galleria degli Antichi. Dai suoi appartamenti nella Rocca il Duca attraversava l’Armeria ed il Corridor Piccolo e giungeva indisturbato al piano nobile di Palazzo Giardino. Il Palazzo fu edificato a partire dal 1578 ed ultimato in nove anni. A dirigere i lavori di decorazione, Vespasiano chiamò il celebre pittore Bernardino Campi, affiancato da un gruppo di collaboratori scelti tra le migliori maestranze dell’epoca. 
 

LA GALLERIA DEGLI ANTICHI
Il "Corridor Grande nella piazza del Castello" fu edificato tra il 1584 ed il 1586. Presenta un articolato esterno in pietra a vista costituito, nel piano inferiore, da ventisei arcate per una lunghezza totale di circa 97 metri.
Nonostante il nome, la Galleria non ha alcuna funzione di collegamento, diversamente dai modelli d'oltralpe. Fu costruita, invece, per essere il contenitore della collezione archeologica di Vespasiano Gonzaga: una raccolta di marmi antichi che egli acquistò dopo il suo rientro dalla corte reale di Spagna, nel 1578.
La decorazione ad affresco delle pareti fu realizzata nel 1587 da Giovanni e Alessandro Alberti, aretini, che dipinsero le prospettive dei lati corti e le figure allegoriche delle pareti lunghe. Le composizioni di oggetti e di armi, i festoni, i vasi e gli stemmi sono stati realizzati, invece, da loro collaboratori.
Il soffitto ligneo, un tempo dipinto di azzurro, presenta nei cassettoni piccole rosette dorate.
Sabbioneta
Piazza D'Armi, 1